EDUCAZIONE

COSA FARE SE IL CANE TORNA A CASA A FARE I BISOGNI

EDUCAZIONE

Può accadere che, nonostante tutti gli accorgimenti, il cane (anche adulto) non ne voglia sapere di sporcare fuori e aspetti il rientro per sporcare in casa. I vecchi metodi coercitivi che i nostri nonni hanno sempre adottato (mettici il muso dentro!!), oltre ad essere inefficaci sotto il profilo educativo, hanno il potere di procurare traumi che possono sfociare in stress veri e propri. Nozioni importanti e basilari: usa solo alimenti adatti ai cani. la dieta deve essere adeguata all'età ed all'attività del cane. gli orari dei pasti devono essere mantenuti costanti, anche nelle festività. le uscite devono avvenire in orari utili, il cane deve aver bisogno di sporcare. le uscite devono essere mantenute costanti, anche nelle festività. le uscite, durante le festività, non devono essere prolungate all'eccesso, lo scopo è di mantenere le stesse abitudini dei giorni lavorativi. gli spuntini devono essere regolati in modo tale da non essere somministrati sulla digestione precedente. le eventuali variazioni di dieta o di tipo di alimento, devono avvenire gradualmente allo scopo di evitare cattive digestioni. se il problema principale sono le minzioni frequenti, raziona la somministrazione dell'acqua, fornendola a volontà ma in momenti chiave, cioè quando subito dopo può essere portato fuori. controlla l'ora in cui sporca (feci ) e registra il tempo trascorso dall'ultimo pasto. fai attenzione, i cani prima di sporcare ruotano su se stessi annusando a terra. Come bisogna intervenire : sposta l'ora dei pasti in modo da cercare di regolare l'ora in cui dovrà sporcare. nel caso di minzioni molto frequenti, potrebbe essere utile razionare la somministrazione dell'acqua, fornendola a volontà ma in momenti chiave, cioè poco prima di essere disponibili a portarlo fuori. pulisci i suoi “gabinetti” senza farti vedere (potrebbe considerarlo un furto, portandolo a nascondersi per sporcare). evita assolutamente di castigarlo (non capirebbe, anzi potrebbe iniziare ad aver paura di te). deve sapere che può sporcare fuori, perciò deve già averlo fatto almeno qualche volta, in caso contrario leggi l'articolo “COME INSEGNARE AL CUCCIOLO DOVE SPORCARE”. fuori, devi portarlo in un luogo privo di distrazioni o di stimoli attivi. devi portarlo in un luogo che gli piaccia e dove si senta a suo agio. non guardarlo in modo diretto, non deve sentirsi osservato o sotto esame. cerca di individuare, in base alla somministrazione del pasto, quali saranno le ore più probabili nelle quali il cane avrà l'esigenza di sporcare. quando sta per approssimarsi l'ora in cui solitamente sporca, portalo fuori. eventualmente fallo bere prima di uscire. se fuori non ha mai sporcato oppure è da molto tempo che non sporca, un posto vale l'altro. se ha sporcato di recente, portalo nello stesso posto, conosciuto e favorevole. se non sporca immediatamente, resta fuori più del solito ed aspetta. ricorda che ogni cane ha bisogno di trovare un posto che sia di suo gradimento, non sporcherebbe in un posto a caso, il luogo deve avere delle caratteristiche particolari che purtroppo conosce solo lui, il tuo compito sarà quello di individuarle per eventualmente riproporle in futuro. durante la fase di preparazione, quando annusa per cercare il punto giusto, non devi assolutamente osservarlo in modo diretto, dovrai rimanere immobile senza generare stimoli che lo possano distrarre, ricorda che a volte è sufficiente un colpo di tosse per distoglierlo dalla sua concentrazione e portarlo a ricominciare. Ogni cane hai i suoi tempi, perciò rispettali, per alcuni sono necessari anche parecchi minuti. se persevera nel non sporcare, torna verso casa. entra come al solito ma non levare il guinzaglio, seguilo ma senza trattenerlo con il guinzaglio. Se si ferma qualche minuto levagli il guinzaglio. non perderlo mai di vista, continua a non parlare e a non guardarlo in modo diretto ma tienilo sempre sotto controllo. quando noti che annusa in terra come per cercare “il punto giusto per fare i bisogni” distrailo e riportalo fuori. Non deve incominciare a sporcare, devi stare molto attento e bloccarlo un attimo prima. una volta fuori ricomincia la tua passeggiata, se dopo qualche minuto continua a non sporcare, ritorni a casa e continui la sceneggiata. terrai questo comportamento, entrando e uscendo, fino a quando non sporcherà fuori, costi quel che costi. lo scopo è di provocargli uno stimolo conosciuto in casa poi, costringerlo a non soddisfarlo nel luogo abituale proponendone uno nuovo. non ho idea di quanto ci vorrà, dipende dalla testardaggine del cane e dalla tua tenacia, ricorda che vincerà uno solo, l'altro sarà sconfitto. dopo che ha sporcato lodalo ed eventualmente premialo con dei bocconcini appetitosi. Dovrai essere attento e immediato, passati pochi secondi o spostandosi di qualche metro, il premio non avrebbe nessun valore educativo in quando non verrebbe associato all'azione precedente. Conclusioni: Se osserverai attentamente il tuo cane ti renderai conto che, in ogni suo movimento, sono nascosti segnali ben precisi che anticipano o annunciano un particolare comportamento. Fra questi segnali, è possibile individuare il momento che precede il bisogno di sporcare, dandoti modo di intervenire adeguatamente.


RICHIESTA

© clinicaveterinariagliana.it